Promuovi la tua campagna


L'Italia nel 2020 è il primo Paese UE per raccolta capitali con crowdfunding e finanza alternativa


Il Bel Paese si piazza al quarto posto mondiale dopo US, UK e Brasile

Il Cambridge Centre for Alternative Finance (CCAF) ha pubblicato, il 29 giugno 2020, una delle ricerce più attese sulla finanza alternativa ed il crowdfunding nel 2020. Si tratta del 'The 2nd Global Alternative Finance Market Benchmarking Report' ed anche noi di Crowdfunding Cloud, come già fatto negli ultimi anni, abbiamo dato sostegno aiutando la raccolta dei dati del mercato del Bel Paese. I risultati sono molto confortanti per il settore del crowdfunding.

L'
Italia è il 4° Paese al mondo per raccolta di capitali tramite finanza alternativa nel 2020
(da 1,55 nel 2019 a 1,86 miliardi nel 2020). È preceduta, in ordine, da US (1°), UK (2°) e Brasile (3°) batte Cina (10°), India (5°), Francia (6°) e Germania (7°).

In Europa, il ruolo predominante è del Regno Unito che detiene il 56% dell'intero mercato (UE+UK), seguito - a distanza - dall'Italia (che nel 2016 era solo 7°) che è - quindi - il primo Paese per raccolta di capitali tramite finanza alternativa e crowdfunding in UE nel 2020, con l'8,4% del mercato.

L'Italia è il 2° Paese in UE+UK nella raccolta del capitale di debito (prestiti tramite social lending e anticipo fatture online) tramite piattaforme di finanza alternativa (USD 1,472 miliardi nel 2019; USD 1,760 miliardi nel 2020).
È interessante notare che da appena EUR 105 milioni di capitali di debito raccolti nel 2016 si è passati a circa EUR 1,5 miliardi nel 2020. Il dato è (presumibilmente) collegato al fatto che il mercato è ormai invaso al 93% (nel 2020) da player istituzionali (94% nel 2019). Significativo è il fatto che coloro che raccolgono capitali di debito online, non sono soggetti 'non bancabili', bensì, nell'88% dei casi, persone fisiche e giuridiche che hanno già rapporti bancari.

Dal 2019 l'Italia è il Paese in UE+UK con la maggiore raccolta tramite invoice trading (USD 709m nel 2019; USD 760m nel 2020), battendo - addirittura - il Regno Unito (USD 462m nel 2019 ed anche nel 2020).

Un cambio di regolamentazione ha fatto crollare il mercato cinese (USD 84,3 miliardi del 2019 ad appena USD 1,2 miliardi nel 2020). Due sono le ragioni:
  • Principale: «un concentrato inasprimento normativo ed una repressione delle piattaforme con licenza impropria, a seguito di crescenti lamentele pubbliche sull'alto livelli di frode e inadempienze»;
  • Minore: l'impatto del Covid-19 «sulla contrazione dei settori del credito in diversi regioni, in particolare per quanto riguarda il credito al consumo che in precedenza dominava l'alternativa cinese mercato finanziario».
Nelle Americhe, oltre ad un ruolo preponderante degli US (91% del mercato), spicca il Brasile (con quasi il 6% del mercato).

Fonti:




Commenti




Come finanziare una start-up innovativa
Come finanziare una start-up innovativa
G. Bartolomei, A. Marcozzi
2015
Crowdfunding e personal fundraising: la nuova frontiera del dono
Crowdfunding e personal fundraising: la nuova ...
A. M. Siccardi, V. Vitali
2018
Crowdfunding e Regolamentazioni. La Tassazione in Italia: il quadro generale
Crowdfunding e Regolamentazioni. La Tassazione ...
I. Cultera
2015
Crowdfunding. Dai sogni ai soldi. Come finanziare i tuoi progetti evitando le banche
Crowdfunding. Dai sogni ai soldi. Come finanziare ...
F. Troisi, A. Giusti
2014
Crowdfunding. Il finanziamento della folla, o dei 'folli'?
Crowdfunding. Il finanziamento della folla, o ...
G. Quaranta
2016





PER CONOSCERCI MEGLIO

Chi siamo
About Us
FAQ
Privacy
Contatti
CROWD-FUNDING.CLOUD

©2021 Crowd-Funding.cloud
Credits: Realizzazione siti Torino